Fecondazione eterologa

La fecondazione in Italia dopo l'abolizione del divieto

In Italia adesso le coppie con problemi di sterilità o infertilità irreversibile, potrà finalmente ricorrere alla donazione di gameti (ovuli e/o spermatozoi) esterni alla coppia, cioè donati da una terza persona. Potranno sottoporsi quindi ad inseminazione intrauterina con seme di donatore, oppure alla Fivet/ICSI (Fecondazione in vitro), con ovociti e/o spermatozoi ottenuti da donatori, consentito dalla Corte costituzionale, che ad aprile 2016 ha dichiarato illegittimo il divieto di fecondazione eterologa imposto dalla legge precedente. I vincoli in territorio Italiano sono: il sesso diverso dei componenti della coppia, che dovranno essere sposate o conviventi con diagnosi accertata di infertilità.

In Italia è consentito la donazione di ovuli, liquido seminale ed embrioni. 

La donazione di ovuli e spermatozoi costituisce parte integrante delle tecniche di riproduzione assistita e, probabilmente, sono applicate  a circa il 10% di tutte le coppie trattate. Le motivazioni che conducono a un percorso di donazione dei gameti possono ricondursi sia alla presenza di patologie specifiche in coppie giovani che all'esaurimento della riserva ovarica in donne in età riproduttiva avanzata. Quali che siano le cause questioni etiche e giuridiche spesso determinano ulteriore ansia della coppia.
Il personale del CFA è specializzato sia nel preparare le coppie per le sfide mediche future che nel guidarle attraverso i dubbi e le difficoltà che possono sorgere. Il nostro programma di donazione è uno dei più grandi in Europa e dà alla coppia la possibilità di essere trattati sia in Italia o in uno dei nostri centri associati europei, offrendo così le più alte probabilità di ottenere una gravidanza.
Tutti i donatori sono volontari e tutte le procedure sono effettuate in conformità alla legislazione nazionale locale. Le donazioni sono anonime e garantiscono che i donatori si attengono scrupolosamente alle caratteristiche fisiche del beneficiario per quanto riguarda il colore dei capelli, degli occhi e della pelle. I donatori sono selezionati dal nostro staff medico e sono adulti di età compresa tra i 18 e 30 anni sani e fertili. Tutti devono possedere un’integrità nella salute fisica e mentale. I tassi di successo per ogni ciclo di ovodonazione dipendono dall'utizzo di ovociti crioconservati o non, in quanto questi ultimi possono:
 
• derivare da una donatrice esclusiva e volontaria con un’età compresa tra i 20-29 anni che si sincronizzerà con la ricevente per la donazione di ovuli "a fresco". I tassi di successo in questo caso sono tra il 70% e 80%
 
• essere donati da una donna che ha intrapreso un percorso FIVET. In questi casi, generalmente, la donatrice può avere un'età superiore ai 30 anni e le percentuali di successo sono circa il 40%-50% , questo programma spesso viene chiamato egg sharing.

• essere ovociti crioconservati (congelati) utilizzando i quali si ottengono tassi di successo del 50-60%.
 
Questo è quanto affermato con soddisfazione dalla Dott.ssa Daniela Dale direttrice del programma di ovodonazione del CFA. Tali risultati, continua la Dott.ssa Dale, sono dovuti sia all’elevata specializzazione della nostra equipe sia all’attento screening, tra cui l'età, a cui le nostre donatrici vengono sottoposte.
 

Vuoi sapere di più?

Compila questo semplice form con la tua domanda e ti risponderemo al più presto.

Nome

Telefono

Messaggio



Seguici su