Test per abortività ripetuta

Aborti ripetuti o fallimenti multipli in cicli di IVF possono essere dovuti a problemi immunologici che determinano un rigetto precoce dell’embrione, prima che la gravidanza possa essere rilevata anche con l’utilizzo dei test più sensibili. Una donna spesso produce embrioni perfettamente vitali che sono poi persi attraverso ripetuti “mini aborti”. Questo molto spesso avviene in donne  che soffrono di patologie quali l’endometriosi, un ipo-attività della tiroide, o nei casi di “infertilità inspiegata o idiopatica” . E’ stato stimato che un fattore immune può essere coinvolto in più del 20% delle coppie con infertilità inspiegata. L’abilità di una donna di portare a termine una gravidanza dipende da una complessa interazione di sofisticati meccanismi immunologici messi a punto per convertire il suo utero in un luogo che eviti il rigetto dell’embrione, del feto e della placenta. Spesso questo meccanismo può essere alterato, e a seconda di come e quando questo avviene, la donna può andare incontro ad aborti ricorrenti, infertilità, o fallimenti nel concepire dopo IVF. Il Centro Fecondazione Assistita è specializzato nel trattamento di questi casi e attraverso un attento monitoraggio dei pazienti e trattamenti specializzati può incrementare la possibilità di ottenere una gravidanza.

Indicazioni per fallimenti multipli


1) Due aborti o due fallimenti in cicli di IVF/ICSI (età della donna maggiore di 35 anni) o tre aborti o tre fallimenti in cicli di IVF/ICSI (età della donna minore di 35 anni);
2) Precedenti problemi immunologici (ANA positivo, artrite reumatoide, e/o lupus);
3) Precedenti gravidanze che hanno evidenziato una crescita fetale ritardata;
4) Infertilità idiopatica (senza causa).

Indagini consigliate:
 
ISTEROSCOPIA 
 
IDENTIFICAZIONE DI CLAMIDIA NEL TESSUTO MESTRUALE (RT-PCR)

CITOCHINE TH1/TH2
 
Le citochine sono proteine prodotte da diversi tipi di cellule e rilasciate nel mezzo circostante. La natura e l'entità delle risposte immuni sono influenzate dalla quantità relativa delle diverse citochine prodotte nel sito di stimolazione linfocitaria. Nelle diverse risposte immuni i linfociti Tsi differenziano in cellule capaci di produrre citochine diverse; le due popolazioni maggiormente distinte sono denominate Th1 e Th2. I linfociti Th1 regolano la risposta immune responsabile dell'attacco a cellule infette o anormali. I linfociti Th2, al contrario, si oppongono all'azione dei linfociti Th1. In ogni persona si stabilisce un equilibrio naturale tra le due popolazioni cellulari che può essere indicato come rapporto Th1/Th2. E' importante stabilire il rapporto Th1/Th2 perchè donne con un alto rapporto possono essere trattate.  
 
 
CELLULE "NATURAL KILLER"
 
Le cellule "natural killer" rappresentano una piccola frazione (circa il 2%) di linfociti che circolano nel sangue specializzati nell'eliminazione di particolari cellule tra cui: cellule infette da virus e cellule cancerogene. Ci sono evidenze che un'eccedssiva attività di queste cellule nelle donne in età ripruduttivapuò essere associata con l'aborto ricorrente.  
 
IMMUNOFENOTIPO RIPRODUTTIVO
 
Questo test misura la percentuale delle diverse popolazioni linfocitarie nel sangue (CD-3, CD-4, CD-8, CD-19, CD-5, CD-56, CD-16).


Vuoi sapere di più?

Compila questo semplice form con la tua domanda e ti risponderemo al più presto.

Nome

Telefono

Messaggio


Accetto il trattamento dei dati personali [Privacy Policy]


Seguici su