NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
 

Loading...

Il centro per la cura dell'infertilità più grande d'Italia

Il trasferimento citoplasmatico nei cicli di IVF

24 FEB, 2015

Il trasferimento citoplasmatico nei cicli di IVF

Il trasferimento citoplasmatico è una delle più recenti innovazioni nei trattamenti di fecondazione assistita. Il trasferimento citoplasmatico in sé non è un metodo di trattamento, ma piuttosto rappresenta una procedura utilizzata in combinazione con le tecniche IVF/ICSI. Lo scopo principale del trasferimento citoplasmatico è quello di aiutare le donne in età riproduttiva avanzata i cui problemi di infertilità potrebbero essere dovuti ai mitocondri carenti o danneggiati, contenuti all'interno del citoplasma dell’uovo. I mitocondri, presenti nel citoplasma dell’ovocita, sono deputati a fornire l'energia necessaria per la crescita e la divisione cellulare. Mitocondri in numero non adeguato o danneggiati, quindi, non saranno in grado di svolgere i propri compiti e non consentiranno la crescita delle cellule  e/o la divisione cellulare. Questo può determinare elevati  livelli di frammentazione, bassa qualità,  ridotta potenzialità di sviluppo e ripetuti fallimenti nell’impianto degli embrioni.
Così come negli organi e nelle cellule somatiche danni ai mitocondri si osservano in fasce di età più elevate, quindi, le donne nei primi anni '40 sono più inclini a fallimenti durante i cicli di fecondazione assistita a causa di danni ai mitocondri rispetto a donne più giovani. La differenza tra un ciclo IVF/ICSI standard e quello che comporta il trasferimento citoplasmatico è che, nel trasferimento citoplasmatico vengono utilizzate le uova della paziente, proprio come in un normale ciclo di fecondazione in vitro, ma è richiesta anche una donatrice di ovuli, poiché, i mitocondri sani devono essere ottenuti dalle uova di una donatrice giovane. Il Citoplasma prelevato dalle uova dalla donatrice contiene mitocondri sani e aiuta a “ringiovanire” le uova della paziente aumentando così le possibilità di ottenere una gravidanza. Il principio fondamentale è che se alle uova della paziente viene dato un ambiente più “favorevole” alla crescita (citoplasma della donatrice), la cellula uovo avrà una maggiore possibilità di sopravvivere, essere fecondata e diventare un embrione di qualità superiore.